Scopri il territorio

ITINERARI

Situata nel cuore della Romagna, Castrocaro Terme e Terra del Sole e il territorio circostante offrono numerose possibilità di escursione, a corto, medio e lungo raggio.

Si può decidere di non allontanarsi troppo dalla cittadina, scegliendo tragitti a piedi nella natura, costellata da siti di interesse storico, geologico e naturalistico o da panorami che si aprono all’improvviso e lasciano senza fiato.

Oppure si può optare per uno dei tanti possibili itinerari in bicicletta, per ciclisti più e meno allenati, solcando valli e pendii della zona o attaccando con forza gli strappi più duri per conquistare i passi e le cime dell’Appennino.

I centauri possono cimentarsi sulle lunghe distanze e arrivare a lambire i territori fiorentini, ripercorrendo i tragitti segnati dagli antichi signori del Granducato mediceo.

Quale che sia l’itinerario che si decide di percorrere, non mancheranno le occasioni per godere di una natura rigogliosa, per riconoscere tracce della storia antica o per gustare, durante le meritate soste, le eccellenze enogastronomiche che hanno reso il territorio romagnolo la patria del “buon vivere”.

Da Castrocaro è anche possibile raggiungere agilmente i tanti parchi tematici della costa e dell’entroterra: l’Indiana Park di Bertinoro e le spettacolari attrazioni di Mirabilandia, Atlantica, Fiabilandia, Italia in Miniatura, Oltremare ed Aquafan.

  • NATURALISTICI
  • CULTURALI
  • ENOGASTRONOMICI
  • DITATTICI
  • ITINERARI IN BICI
  • ITINERARI A PIEDI
PERCORSO IN MOTO

PERCORSO IN MOTO

Il Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole è il punto di partenza ideale per i tanti amanti della moto che desiderano misurarsi con le curve e i tornanti delle valli circostanti.

Una delle mete preferite dai centauri è il Passo del Muraglione, con le sue strade panoramiche e i numerosi punti di ristoro in cui assaggiare i piatti tipici della cucina tosco-romagnola. Tra le destinazioni più gettonate delle escursioni sulle due ruote anche la Campigna, ideale per chi cerca – soprattutto nelle giornate estive – un po’ di pace e refrigerio.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

PARCO NAZIONALE DELLE FORESTE CASENTINESI

PARCO NAZIONALE DELLE FORESTE CASENTINESI

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna presenta una straordinaria biodiversità, sia animale che vegetale; i boschi, le praterie, le montagne, i ruscelli e le numerose specie animali che popolano il Parco si integrano armoniosamente con luoghi di interesse storico, culturale e religioso.

Il parco si estende per 36400 ettari a cavallo tra Romagna e Toscana; il versante romagnolo comprende le valli del Montone, del Rabbi e del Bidente e può essere scoperto (grazie ai circa 600 km della rete sentieristica) con piacevoli escursioni a piedi, in mountain bike e a cavallo o, in inverno, con gli sci da escursionismo e le ciaspole.

Oltre ai percorsi trekking più impegnativi, per escursionisti esperti, sono presenti nel territorio del Parco anche 9 “Sentieri Natura”, brevi itinerari di facile percorrenza lungo i quali sono dislocati punti di osservazione accompagnati da bacheche informative per illustrare le peculiarità dell’ambiente e fornire un primo strumento di conoscenza del territorio.

Inoltre, a Campigna e a Badia Prataglia, sono stati allestiti due “Sentieri per tutti… i sensi” dedicati a chiunque si avvicini all’escursionismo.

Sul territorio sono distribuiti vari Centri Visite, importanti strutture di accesso e di orientamento per il visitatore, ciascuno dedicato ad uno specifico tema inerente all’area in cui è collocato. Oltre ai Centri Visita, sono presenti alcuni utili Punti Informazione.

Sono situate all’interno del Parco anche strutture quali: il Giardino Botanico di Valbonella (nel comune di S. Sofia), l’Arboreto e il Museo Forestale “Siemoni” a Badia Prataglia, il Museo Forestale “G. Campadelli” a Campigna.

In tutto il comparto sono presenti molte aree di sosta attrezzate con tavoli e panche, alcune anche con fornacelle e fontane di acqua potabile.

Palazzo Nefetti
via Nefetti, 3
Santa Sofia (FC) 47018

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi
tel. 0543 971375 – fax. 0543 973034

info@parcoforestecasentinesi.it
https://www.parcoforestecasentinesi.it/it

LE CASCATE DELL'ACQUACHETA - PORTICO E SAN BENEDETTO - A PIEDI

LE CASCATE DELL'ACQUACHETA - PORTICO E SAN BENEDETTO - A PIEDI

L’Acquacheta è il più importante affluente del Montone e, prima di raggiungere San Benedetto in Alpe, compie un salto di oltre 70 metri, formando l’omonima cascata. Descritta da Dante nel XVI canto dell’Inferno, si raggiunge solo attraverso una escursione di un paio d’ore che risale la valle raggiungendo, appena a monte della cascata, la suggestiva Piana dei Romiti con i ruderi dell’antico borgo.

Si parte da San Benedetto in Alpe, borgo montano della Romagna a 485 m s.l.m.

Dirigersi verso la Statale e, una volta superato il ponte sul Fosso Acqua Cheta, occorre imboccare il sentiero che corre lungo il torrente. Si arriva in un bellissimo bosco di ontani, il paesaggio in alcuni punti sembra un quadro, un’opera d’arte. Il percorso  è perfettamente segnalato, fa parte dei “Sentieri Natura” del Parco Nazionale e non si discosta mai dal corso d’acqua. Lungo il tragitto si trovano 10 punti di sosta e di osservazione.

Superato l’antico edificio chiamato Ca’ del Rospo, inizia una salita ripida che porta sino all’antico Mulino dei Romiti, punto di sosta.

Manca meno di 1 km alla Cascata, ma è il tratto più impegnativo che, con una serie di saliscendi ripidi e scoscesi, porta finalmente a destinazione. Il fragoroso rumore dell’acqua preannuncia la cascata, che appare nella sua bellezza e maestosità, con un’altezza di 70 m e una larghezza che arriva sino ai 30 m.

Lo spettacolo della natura, nella sua fulgida bellezza,  ripaga della fatica; ci si può riposare sulle panchine proprio nel punto in cui anche Dante si fermò per osservare la cascata.

Gli escursionisti più allenati possono proseguire verso la sommità della cascata, sull’altopiano alluvionale dei Romiti.

Poco distante dalla cascata, appare la cascatella Lavane, che forma una meravigliosa piscina naturale verde acqua che invita, nella bella stagione, a bagnarsi e trovare un fresco ristoro. In pochi minuti si può raggiungere l’altopiano per osservare i ruderi dell’Eremo appartenuto all’Abbazia di San Benedetto in Alpe.

La meta dell’escursione è stata raggiunta. Il ritorno si effettua sullo stesso percorso dell’andata, il tempo totale dell’uscita è di 3 ore.

Il cammino offre una breve fuga dalla realtà, offrendo scorci da favola, lontano dal caos cittadino, in un bosco che sembra incantato.  Ad ogni passo si percepisce la vera comunione con la natura: il silenzio è rotto soltanto dal fragore dell’acqua o dal fruscio del vento fra i rami, si può udire il canto degli uccelli e il ticchettio del picchio sul legno.

Tempo di percorrenza: 3 h

Difficoltà: facile

Lunghezza: 8 km

Dislivello: 235 m

Percorribilità: a piedi

Costo: 0 €

Consiglio: il periodo migliore per questa escursione è senza dubbio marzo-maggio; tuttavia, anche nelle giornate di sole d’inizio autunno si può godere della bellezza della cascata.

Portico e San Benedetto

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

LA DIGA DI RIDRACOLI - BAGNO DI ROMAGNA

LA DIGA DI RIDRACOLI - BAGNO DI ROMAGNA

Nel cuore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, immersa in una vegetazione rigogliosa che scandisce il passaggio delle stagioni tingendosi di colori suggestivi ed intensi, si adagia la Diga di Ridracoli.

E’ un bacino idrico artificiale, realizzato fra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, il suo invaso è in grado di contenere ben 33 milioni di litri di acqua (depurata dal Centro di potabilizzazione di Capaccio e distribuita attraverso l’acquedotto di Romagna a quasi 50 comuni romagnoli).

Boschi rigogliosi popolati da centinaia di specie animali e vegetali ricoprono quasi tutto il territorio al punto che lo si può attraversare in tutta la sua estensione senza mai uscire dal lussureggiante e rigoglioso manto verde che lo avvolge.

Posta a 557 m sul livello del mare, con un muro di contenimento lungo 432 m e alto 103,5 m, l’opera fu realizzata in perfetta armonia con l’ambiente circostante, andando a raccogliere le acque dei fiumi Bidente e del Rio Celluzze;  oggi il lago appare molto simile a un fiordo del Nord Europa: stretto e lungo scivola nel bosco per circa 5 km.

La visita alla Diga di Ridracoli offre svariate opportunità a chi vuole trascorrere una giornata in tranquillità, godendo di un panorama suggestivo e rigoglioso: fra i servizi offerti ci sono percorsi di trekking, picnic all’aperto, escursioni in battello elettrico, uscite in canoa, mountain-bike ed e-bike, visite guidate nei cunicoli della diga; è inoltre sempre spettacolare il momento della tracimazione, quando la cascata prende vita a seguito delle piogge e dello scioglimento delle nevi.

Il territorio attorno alla diga è attraversato da numerosi percorsi naturalistici, uno tra i più amati è quello che conduce al rifugio Ca’ di Sopra, un percorso non molto impegnativo, di circa 5 km (andata e ritorno), capace di regalare scorci mozzafiato sul lago, sulla diga ma anche su gran parte della fauna locale. Durante le escursioni attorno al lago, infatti, è facile osservare gli animali che popolano l’alta valle del Bidente: ungulati (cinghiali, cervi, caprioli, daini), l’istrice, i rapaci sia diurni che notturni (aquila, falco, astore e gufo reale), fino agli anfibi (tritoni, salamandre, l’ululone dal ventre giallo). Da segnalare anche la presenza di animali che solo recentemente abitano la zona, attratti dalla pescosità del bacino, come l’airone cenerino ed il cormorano.

Nelle vicinanze di Ridracoli sono state completamente ristrutturate, grazie all’intervento di Romagna Acque, alcune case coloniche frequentate dai turisti mentre “IDRO – Ecomuseo delle acque”, nel borgo di Ridracoli, è un interessante museo scientifico, disposto su  quattro piani, capace di esplorare i segreti dell’acqua e della foresta, rendendo più interessante la visita per grandi e bambini.

Borgo di Ridracoli 47021 – Bagno di Romagna (FC)
(si consiglia accesso da Santa Sofia SS310 direzione Campigna)

IDRO Ecomuseo delle Acque di Ridracoli
Tel 0543 917912
Fax 0543 903733
ladigadiridracoli@atlantide.net
http://www.ridracoli.it/

ITINERARIO A PIEDI RUPE DEI COZZI

ITINERARIO A PIEDI RUPE DEI COZZI

Di estremo interesse naturalistico, questo percorso permette di fare un balzo di milioni di anni indietro nel tempo, camminando tra pietre fossili dove sono ben visibili i gusci di antiche conchiglie marine, lo spungone; la forza dell’acqua e del vento hanno eroso e modellato il paesaggio, creando affascinanti grotte ed anfratti.

La partenza è davanti all’ingresso delle Terme in Viale Marconi, da qui si raggiunge Piazza Mazzini e poi si percorre Via delle Sorgenti fino al ponticello presso la vecchia fornace di laterizi. Si svolta a sinistra e si procede lungo Via Rio Cozzi costeggiando il torrente Rio Piano (zona particolarmente ombreggiata).

Dopo aver percorso 1 500 metri si gira a sinistra e si procede in strada sterrata per alcune centinaia di metri fino alla sbarra: a questo punto si gira a destra ed ha inizio la strada campestre che porta alla Rupe dei Cozzi.

Passata la Rupe dei Cozzi, si procede su un tratto pianeggiante ed erboso e si giunge ad un bivio: a questo punto consigliamo una breve deviazione a destra seguendo la strada in terra battuta così che, dopo aver percorso 200 metri in salita, si può ammirare lo straordinario paesaggio dei Laghetti della Bolga, dove sgorgano e vengono raccolte le acque salsojodiche che, mediante conduttura sotterranea, sono convogliate agli stabilimenti termali.

Ritornati al bivio si gira a sinistra, si supera il fosso e si segue la strada, posta in mezzo ai vigneti, che conduce al podere Azienda Agricola Valle di Mezzo: giunti in prossimità dell’aia si procede a sinistra lungo la strada bianca che porta al podere Pergola e poi si prosegue in discesa lungo la strada asfaltata fino al paese. Nell’ultimo tratto si costeggiano la Rocca e le antiche mura di Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Rupe dei Cozzi – Valle di Mezzo – Pergola – Via Bagnolo – Castrocaro Terme
Partenza: Ingresso delle Terme
Percorso: ad anello
Dislivello in salita: 180 m
Lunghezza: 6,8 km
Ambiente prevalente: fondo valle, valle, costa
Tipologia viaria: asfaltato, sterrato, asfaltato

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

 

ITINERARIO A PIEDI PARCO FLUVIALE

ITINERARIO A PIEDI PARCO FLUVIALE

Questa escursione è l’ideale per chi cerca un po’ di tranquillità senza allontanarsi troppo dal centro urbano poiché è piuttosto breve ed agevole; conduce alle porte di Terra del Sole attraverso il parco fluviale, un’area verde ed attrezzata che si snoda lungo il fiume Montone.

Il punto di partenza è  in Via Conti, prima del ponte sul fiume a sinistra; si procede lungo il sentiero che costeggia il Parco delle Terme e il fiume e, dopo aver percorso alcune centinaia di metri, si apre in un grande prato. Seguendo il percorso principale si giunge in prossimità del centro sportivo comunale: qui si attraversa il fiume Montone sul caratteristico ponte a schiena d’asino e si prosegue a sinistra per alcune centinaia di metri fino ad arrivare al termine del parco fluviale.

Per il ritorno si può seguire lo stesso percorso o, volendo abbreviare il tragitto, si può uscire dall’ingresso principale posto su via Ravaglioli.

Percorso: escursione attraverso il parco fluviale
Partenza: Via Conti (Ingresso delle Terme)
Percorso: andata e ritorno
Tempo di percorrenza: 1 ora
Dislivello in salita: /
Lunghezza: 4,5 km
Ambiente prevalente: Parco
Tipologia viaria: sentiero sterrato

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO PANORAMICO A PIEDI CORTINA-BAGNOLO

ITINERARIO PANORAMICO A PIEDI CORTINA-BAGNOLO

Una passeggiata che permette di apprezzare le bellezze naturali del territorio attraverso panorami particolarmente suggestivi.

Partendo davanti alle Terme in Viale Marconi, si procede per Via Roma, Via Garibaldi, Via Maltoni, Via Biondo fino a raggiungere la chiesina dei Caduti.

Davanti alla chiesina si prende a destra per Via Baracca, che più avanti diviene Via Savelli, fino a giungere alla Sorgara; si prosegue a destra lungo Via Zanetta, dove la strada ghiaiata inizia a salire fino al podere Cortina, dopo il quale si snoda lungo il crinale.

Al termine della strada bianca, si gira a destra in Via Bagnolo dove il percorso diventa asfaltato e in discesa; dopo alcune centinaia di metri sul lato sinistro si trovano la “Maestà Mater Consolationis” e la chiesa di Bagnolo.

La strada che conduce a Castrocaro segue l’andamento del cordone calcareo che la sovrasta: è un panorama suggestivo che mette in risalto il grande contrasto tra gli  ammassi calcarei, privi di vegetazione, e la zona circostante prevalentemente sabbioso-argillosa a dolce declivio e punteggiata di vigneti, ulivi ed altre colture.

Nell’ultimo tratto del percorso si costeggiano la Rocca e le antiche mura di Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Sorgara – Cortina – Bagnolo – Castrocaro Terme
Partenza: Ingresso delle Terme
Percorso: ad anello
Tempo di percorrenza: 3 ore a piedi
Dislivello in salita: 230 m
Lunghezza: 9,3 km
Ambiente prevalente: costa e crinale
Tipologia viaria: asfaltato, ghiaiato, asfaltato

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO A PIEDI DEL PIANELLO

ITINERARIO A PIEDI DEL PIANELLO

L’itinerario conduce al suggestivo Castello di Monte Poggiolo, antico baluardo eretto in posizione strategica e per questo conteso nei secoli dalle varie signorie di  Forlì, Castrocaro e Faenza.

Di questa Rocca è possibile oggi ammirare solo ciò che rimane della struttura più esterna, provata dal tempo, mentre il paesaggio circostante conserva intatto la sua bellezza.

La partenza consigliata è da Piazza d’Armi a Terra del Sole: ci si avvia verso Forlì e, appena usciti dalle mura della cittadella medicea, si prende a sinistra per Via Cesare Battisti. Si percorre questa via fino ad incontrare Via Pianello, a sinistra, che si inerpica per la collina. Seguendo la strada si attraversano allevamenti avicoli, oltrepassati i quali la strada diviene ghiaiata fino al bivio per la Pennita.

Qui si segue, a sinistra, la strada sterrata che continua a salire fino a raggiungere la via di crinale Converselle – Monte Poggiolo, poi si svolta a destra verso Monte Poggiolo, dove si incontra il Castello. Da qui si scende lungo la strada asfaltata verso il fondo valle. Prima di raggiungere il piano, sulla destra si incontra un’antica casa rurale, poco distante dalla strada che si percorre, che è denominata Palazzo del Diavolo.

Al bivio, al termine della discesa, si svolta a destra per Via Mercatina e successivamente si segue Via Cesare Battisti fino a raggiungere la strada principale presso a Terra del Sole.

Percorso: Terra del Sole – Pianello – Monte Poggiolo – Ciola – Mercatina – Terra del Sole.
Partenza: Piazza d’Armi di Terra del Sole
Percorso: ad anello
Tempo di percorrenza: 2 ore
Dislivello in salita: 150 m
Lunghezza: 5,5 km
Ambiente prevalente: costa
Tipologia varia: asfaltato, sterrato, asfaltato

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO DEL CONTRABBANDIERE A PIEDI

ITINERARIO DEL CONTRABBANDIERE A PIEDI

Un tragitto suggestivo lungo un crinale che costeggia a sud-ovest un paesaggio caratterizzato da formazioni calanchifere, costellate di ginestre e sulla: nel periodo primaverile la vegetazione crea un’esplosione cromatica che rende indimenticabile ogni passaggio. L’ambiente è popolato di caprioli, lepri e fagiani, che è possibile avvistare con facilità.

La partenza è davanti l’ingresso delle Terme di Viale Marconi; da qui si raggiunge Piazza Mazzini per poi proseguire in Via delle Sorgenti fino al ponticello presso la vecchia fornace. Subito oltre il ponticello, si svolta a sinistra per Via Rio Cozzi e, percorsi 50 metri, si lascia la strada principale asfaltata imboccando sulla destra la via ghiaiata che inizia a salire verso la collina (la deviazione è indicata dal segnale sul muro di sostegno).

Proseguendo lungo la strada ghiaiata, oltrepassata la casa del podere Mezza Collina, si sale tra caratteristiche siepi di biancospino e, mentre il fondo stradale diviene sterrato, si raggiunge la sommità del crinale immettendosi sulla via che collega Converselle a Monte Poggiolo. Al bivio si prende a sinistra, in direzione di Converselle. Dalla chiesa di Converselle si ritorna sui propri passi per circa un centinaio di metri e poi si segue, a destra, la strada asfaltata che scende al fondovalle.

Si prosegue lungo la strada principale asfaltata che costeggia il Rio del Piano fino a ritornare al ponticello presso la vecchia fornace; da qui, imboccando Via delle Sorgenti, si rientra in paese.

Percorso: Castrocaro Terme – Monte Calvario – Mezza Collina – Croce – Verna – Converselle – Castrocaro Terme.
Partenza: Ingresso delle Terme
Percorso: ad anello
Tempo di percorrenza: 3 ore
Dislivello in salita: 150 m
Lunghezza: 12 km
Ambiente prevalente: valle, costa, crinale, valle
Tipologia viaria: asfaltato, sterrato.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO A PIEDI CRINALI-CONVERSELLE-MONTE POGGIOLO

ITINERARIO A PIEDI CRINALI-CONVERSELLE-MONTE POGGIOLO

Questo itinerario consente  di ammirare lungo il cammino diversi siti di interesse storico e, una volta giunti al Castello di Monte Poggiolo, di godere di un panorama assolutamente unico e staordinario.

Dall’ingresso delle Terme di Viale Marconi si raggiunge Piazza Mazzini, quindi si segue Via delle Sorgenti fino al ponticello presso la Vecchia Fornace di Laterizi.

Al Bivio, al di là del ponticello, si svolta a sinistra per Via Rio Cozzi e si prosegue lungo questa strada di fondovalle asfaltata (che più avanti diventa Via Converselle), che costeggia il Rio del Piano fino al bivio delle Casacce, segnalato da apposito cartello.

Al bivio delle Casacce si prosegue sulla strada asfaltata a destra, che sale la costa di Converselle con andamento a tornanti, fino alla sommità della collina, dove sorge la chiesa di Converselle, individuabile per il piccolo campanile a vela. Attorno all’edificio un ampio prato permette una comoda sosta.

Dalla chiesa di Converselle si ritorna sui propri passi per circa 100 metri e poi s’imbocca la strada ghiaiata che conduce a Monte Poggiolo seguendo le indicazioni sul percorso; più avanti il fondo stradale diviene sterrato.

Si prosegue sulla strada dal crinale a saliscendi fra campi coltivati, frutteti e vigneti, con ampie vedute che si aprono sulla pianura forlivese, fino a raggiungere il Castello di Monte Poggiolo. Ammirato il panorama da questo luogo privilegiato, si scende lungo la strada asfaltata verso il fondo valle. Prima di raggiungere il piano, sulla destra, poco discosta dalla strada che si percorre, s’incontra un’antica casa rurale, denominata Palazzo del Diavolo (dove trovò rifugio Garibaldi inseguito dagli austriaci dopo la caduta della Repubblica romana). Al bivio, al termine della discesa, si svolta a destra per Via Mercatina e, successivamente, si segue Via Cesare Battisti fino a raggiungere la strada principale presso le mura di Terra del Sole.

Attraversata la città medicea, si percorre Viale Marconi per fare ritorno all’ingresso delle Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Converselle – Golfara – Verna – Monte Poggiolo – Ciola – Mercatina – Terra del Sole – Castrocaro Terme.
Partenza: Ingresso delle Terme Percorso: ad anello
Dislivello in salita: 250 m
Lunghezza: 15 km
Ambiente prevalente: Crinale
Tipologia viaria: asfaltato, sterrato, asfaltato.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

Da CASTROCARO TERME a SADURANO con  il “Sentiero Don Dario”

Da CASTROCARO TERME a SADURANO con il “Sentiero Don Dario”

Un tragitto che consente di scoprire le meraviglie del paesaggio e luoghi dimenticati: un itinerario dedicato a coloro che amano le passeggiate nella natura e accostarsi anche spiritualmente a questi luoghi.

Dall’ingresso delle Terme si procede lungo Via Roma per poi svoltare poco dopo a sinistra e percorrere Via Conti. Giunti all’incrocio con la rotonda, si prosegue a destra per via Frassineti per poi girare subito ancora a dx per via Neri, dopo 150 mt  svoltare ancora a dx e attraversare il ponte sulla circonvallazione. Passato il ponte si tiene la sinistra imboccando così il sentiero che dopo 700 m termina sulla via di Sadurano. Da qui, dopo una breve sosta per ammirare il paesaggio, si prosegue a destra lungo la strada del crinale e, dopo 1000 metri, si raggiunge il borgo di Sadurano, luogo in cui Don Dario Ciani nel 1975 creò una Comunità di accoglienza e recupero, attiva fino al 2015, anno della sua morte. Si prosegue per 1500 mt fino a giungere al Monte della Birra, così detto per via della “Strega” Diamantina che nel 1603 fu confinata in quei luoghi. Da lì il sentiero, con monti e colline a perdita d’occhio, inizia a scendere e oltrepassata casa Collina, costeggiando campi coltivati, entra nel bosco che ci porterà fino al guado sul fiume Montone. Attraversato il fiume si prosegue tenendo la dx all’imbocco con la provinciale e dopo 300 mt attraversata la strada Nazionale si procede per via Virano. Il sentiero poi svolta a sinistra per giungere poi al Parco della Sorgara, oggi non più in uso, un luogo fresco ove un tempo si bevevano acque salutari e si ballava al suono delle orchestre locali. Si prosegue quindi per via Savelli per ritornare a Castrocaro Terme

Percorso:  Via Roma – Via Conti – Via Sadurano – Monte della Birra – Montecchio – Sorgara – Castrocaro
Partenza: Ingresso delle Terme
Percorso: andata e ritorno
Tempo di percorrenza: 3 ore
Dislivello in salita: 200 m
Lunghezza: 10 km
Ambiente prevalente: costa e crinale
Tipologia viaria: sentiero in terra, strada bianca e asfalto.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO ANTONIANO A PIEDI

ITINERARIO ANTONIANO A PIEDI

Un percorso nel cuore della natura che è anche un’esperienza spirituale, un pellegrinaggio sulle orme di quello che fu l’ultimo cammino di Sant’Antonio e che conduce all’Eremo di Montepaolo, dove  il santo da Padova si ritirò in penitenza per nove mesi.

La partenza è davanti all’ingresso delle Terme; da qui si raggiunge Piazza Mazzini, si prosegue lungo Via della Fratta e si comincia la salita di circa 4,5 km che porta a Monte Cerreto (316 m s.l.m.).

Dopo 1,4 km, appena superato il podere Petrosa, a 50 metri dalla strada principale si incontra sulla destra la celletta “Maestà di S. Antonio”; si prosegue sulla strada comunale costeggiando il monte Sina fino a giungere alla “Maestà Mater Consolationis” di Bagnolo. Si percorre circa 1 km fino a Monte Cerreto, da qui inizia la strada sterrata. Percorsi altri 500 metri, sul lato destro, è possibile ammirare la Grotta delle Fate, il monte Castellaccio e il monte Sassone (o delle civette).

Il percorso ora si snoda lungo il crinale, salendo fino a raggiungere l’Eremo di Montepaolo.

Dopo una sosta si può procedere sulla strada del ritorno, seguendo a ritroso l’itinerario dell’andata.

Percorso: Castrocaro Terme – Via Bagnolo – Monte Cerreto – Spiandarolo – Sant’Ellero – Montepaolo e ritorno
Partenza: Ingresso delle Terme
Percorso: andata e ritorno
Tempo di percorrenza: 5/6 ore a piedi
Dislivello in salita: 440 m
Lunghezza: 17 km
Ambiente prevalente: costa e crinale
Tipologia viaria: asfaltato e sterrato

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN MOUNTAIN BIKE DA CASTROCARO TERME A MONTE POGGIOLO

IN MOUNTAIN BIKE DA CASTROCARO TERME A MONTE POGGIOLO

Un percorso di 27 km dove il bosco incornicia stretti tornanti in un emozionante saliscendi.

Dalla pianura di Castrocaro Terme si giunge, in meno di 10 km di salita sterrata  affacciata sulle valli sottostanti, fino a Monte Paolo, dove sorge la Chiesa di S. Antonio. Di impareggiabile fascino  l’ambiente boschivo attorno al torrente Samoggia, che viene percorso in discesa prima di affrontare i 900 metri più duri che fanno risalire, percorrendo tornanti stretti e ghiaiosi, fino alla vecchia Chiesa di Converselle.

Da qui, lungo un crinale tutto a saliscendi, si raggiunge prima il castello di Monte Poggiolo, poi Terra del Sole.

Punti critici: dalle vecchie terme di Sorgara si segue Via Zanetta fino in cima, girando a sinistra per percorrere tutto il crinale verso Montepaolo. Prima della salita finale si deve superare un breve tratto scosceso, in corrispondenza di alcune case.

Varianti: Da Montepaolo, invece di girare a destra per il torrente Samoggia, si può proseguire diritto verso Dovadola per rientrare a Castrocaro lungo la strada statale 67. Oppure, girando a destra subito dopo la Chiesa di Converselle, si percorre uno stradello asfaltato che scende tra Terra del Sole e Castrocaro.

Percorso: Castrocaro Terme – Sorgara – Monte Paolo – Converselle – Monte Poggiolo – Terra del Sole – Castrocaro Terme – Rocca San Casciano – Castrocaro Terme
Percorso da effettuarsi in mountain-bike
Difficoltà: media
Lunghezza: 27 km
Durata: 1 ora e 42 minuti

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI DA CASTROCARO TERME ALLA DIGA DI RIDRACOLI E A SANTA SOFIA

IN BICI DA CASTROCARO TERME ALLA DIGA DI RIDRACOLI E A SANTA SOFIA

Un percorso impegnativo di circa 120 km, in una costante alternanza di salite e dolci pendii, conduce ad un enorme specchio d’acqua immerso in una vegetazione lussureggiante: il suggestivo spettacolo della Diga di Ridracoli ripagherà di ogni sforzo.

Da Castrocaro Terme seguire le indicazioni per Dovadola e Rocca San Casciano. A Rocca San Casciano, prima del ponte, girare a sinistra in direzione San Zeno e Galeata; dopo alcune centinaia di metri, affrontare una salita di poco più di 5 km che conduce in cima al Colle delle Centoforche (551 m s.l.m.).

Scendere per immettersi nella SS 9 ter; all’incrocio voltare a sinistra, dopo 700 m si giunge a San Zeno: al bivio, girare a destra in direzione Galeata e dopo 2,8 km di salita si giunge in cima al Monte delle Forche (444 m s.l.m.). Da qui, scendere fino al centro di Galeata, svoltare a destra per Santa Sofia e passato il ponte, seguire le indicazioni per Campigna e Firenze.

Proseguire lungo la statale per alcuni km, poi girare a sinistra per Ridracoli e seguire i segnali turistici fino ad arrivare alla Diga. Arrivati al cancello che delimita l’area della diga (al km 55,2), affrontare 3 km di salita. Giunti a Galeata, percorrere al contrario il tragitto dell’andata. A Galeata seguire le indicazioni per Forlì.

Al 100° km si arriva a Meldola, attraversare l’abitato e giungere alla frazione Para. Qui, svoltare a sinistra per San Martino in Strada in via Monda e all’incrocio girare a destra per Forlì.

Dopo 2 km, al semaforo, voltare a sinistra per Vecchiazzano e proseguire per Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Rocca San Casciano – San Zeno – Galeata – Santa Sofia – Isola – Diga di Ridracoli – Santa Sofia – Civitella – Meldola – Para – San Martino in Strada – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI DA CASTROCARO TERME AL PASSO DEL MURAGLIONE ATTRAVERSO BRISIGHELLA E MARRADI

IN BICI DA CASTROCARO TERME AL PASSO DEL MURAGLIONE ATTRAVERSO BRISIGHELLA E MARRADI

Una sfida lunga 170 km per atleti allenati che mette alla prova resistenza fisica e tenacia. Una partenza dolce, giusto il tempo di scaldare i muscoli, lascia presto lo spazio ad una lunga sequenza di strappi e salite impervie. Una sfida impegnativa…ma che soddisfazione espugnare il Muraglione!

Da Castrocaro Terme seguire le indicazioni per Terra del Sole e Forlì; prima di Villa Rovere prendere a sinistra per Villagrappa. All’incrocio, svoltare a sinistra in direzione Castiglione. Proseguire per 3,3 km. Girare a sinistra in Via Gesuita, poi di nuovo a sinistra in Via Bianzarda S. Giacomo. Dopo circa 1 km, prendere a destra in Via S. Mamante. All’incrocio successivo, girare a sinistra, poi immediatamente a destra in Via S. Martino.

A Faenza (ponte Rosso), all’incrocio con la Modiglianese, girare a sinistra e poi a destra per Sarna e Brisighella. Giunti a Brisighella, procedere lungo la SS 32 seguendo l’indicazione per Marradi (21 km di saliscendi). A Marradi (FI), attraversare il centro abitato e proseguire sulla strada statale per Colla di Casaglia (10 km di salita impegnativa). Giunti al passo Colla di Casaglia (851 m s.l.m.), inizia un lungo tratto in discesa per raggiungere Borgo San Lorenzo. Giunti a Borgo San Lorenzo, proseguire (in pianura) sulla statale 551 in direzione Dicomano.

A Dicomano ci si immette sulla SS 67 (direzione Forlì). La strada sale gradualmente: da prima di S. Godendo fino al Passo del Muraglione la salita è impegnativa…ma il traguardo è ormai in vista. Giunti al Passo del Muraglione (907 m s.l.m.) inizia la scorrevole discesa verso il fondovalle.

Attraversare San Benedetto in Alpe, Bocconi, Portico di Romagna, Rocca S. Casciano e Dovadola per giungere nuovamente a Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Faenza – Brisighella – Marradi – Colla di Casaglia – Borgo San Lorenzo – Dicomano – S. Godendo – Passo del Muraglione – San Benedetto in Alpe -Rocca S. Casciano – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI DA CASTROCARO TERME A SAN BENEDETTO IN ALPE ATTRAVERSO IL PASSO DELL'EREMO E IL PASSO DELLA PESCHIERA

IN BICI DA CASTROCARO TERME A SAN BENEDETTO IN ALPE ATTRAVERSO IL PASSO DELL'EREMO E IL PASSO DELLA PESCHIERA

Un percorso di 115 km che è una prova avvincente di coraggio e resistenza fisica: per superare i due passi montani (a quasi 1000 m d’altitudine) lungo il percorso occorre davvero…non mollare proprio mai!

Da Castrocaro Terme seguire le indicazioni per Terra del Sole e Forlì. Prima della località Villa Rovere, prendere Via del Braldo a sinistra per Villagrappa e Faenza. All’incrocio, voltare a sinistra in direzione Castiglione. Proseguire per 3,3 km, quindi girare a sinistra in via Gesuita. Poi voltare di nuovo a sinistra in via Bianzarda S. Giacomo. Dopo circa 1 km, prendere a destra in via San Mamante. All’incrocio successivo, girare a sinistra e poi immediatamente a destra in via San Martino.

A Faenza (ponte Rosso), all’incrocio con la Modiglianese, girare a sinistra e poi a destra per Sarna e Brisighella. Giunti a Brisighella, procedere lungo la SS 32 verso Marradi (21 km di saliscendi). Giunti a Marradi, in provincia di Firenze, attraversare l’abitato e seguire le indicazioni per San Benedetto in Alpe.

Dopo 11 km di salita, si giunge al Passo dell’Eremo (921 m s.l.m.), per affrontare poi una discesa di circa 2,5 km.

Riprendere la salita verso il Passo della Peschiera (930 m s.l.m.), discendere, attraverso curve strette e in forte pendenza, fino a San Benedetto in Alpe.

La strada confluisce nella SS 67: prendere a sinistra e dopo un breve tratto, il percorso è in lieve ma continua discesa fino a Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Villagrappa – Faenza (Ponte Rosso) – Brisighella – Marradi – Passo dell’Eremo – Passo della Peschiera – San Benedetto in Alpe – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI DA CASTROCARO TERME A SAN BENEDETTO - PASSO DEL MURAGLIONE E RITORNO

IN BICI DA CASTROCARO TERME A SAN BENEDETTO - PASSO DEL MURAGLIONE E RITORNO

Un percorso di 88 km dove la salita la fa da padrona, attraverso i numerosi tornanti che portano in cima al Passo del Muraglione.

Da Castrocaro Terme seguire le indicazioni per Dovadola, Rocca San Casciano e Firenze; giunti in paese proseguire sulla statale per Portico di Romagna, Bocconi e San Benedetto. Il percorso è sempre in prevalente e graduale ascesa.
Prima del ponte sulla destra, nel piazzale, c’è una fontana: da San Benedetto in Alpe si prosegue seguendo l’indicazione per Firenze.
La strada da questo punto fino al Passo del Muraglione, presenta tratti impegnativi.
Prima dell’inizio dei tornanti che portano in cima al passo si entra nel territorio della regione Toscana.
Giunti in cima, c’è la possibilità di sostare ed eventualmente ristorarsi prima di affrontare la scorrevole discesa verso il fondo valle per far ritorno a Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Dovadola – Rocca San Casciano – Portico di Romagna – San Benedetto – Passo del Muraglione e ritorno

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI DA CASTROCARO TERME A PORTICO DI ROMAGNA A PREMILCUORE, SAN ZENO E ROCCA SAN CASCIANO

IN BICI DA CASTROCARO TERME A PORTICO DI ROMAGNA A PREMILCUORE, SAN ZENO E ROCCA SAN CASCIANO

Un percorso di 77 km caratterizzato da stradine e saliscendi attraverso la valle del Rabbi.

Seguire l’indicazione da Castrocaro Terme per Dovadola e Rocca San Casciano: si attraversa il paese e si prosegue sulla SS 67 (direzione Firenze).

Dopo vari saliscendi si raggiunge Portico di Romagna: oltrepassato il paese si prosegue per circa 2,5 km, poi si svolta a sinistra (indicazione per Premilcuore).

La strada (Valbura) sale per 7 km: un duro, ultimo strappo porta in cima dal Passo del Manzo (840 m s.l.m.).

Inizia la discesa fino a Premilcuore. Si raccomanda la massima prudenza: la strada è stretta e tortuosa e il fondo stradale non è in perfette condizioni.

All’incrocio con la SS 9 ter, svoltare a sinistra in direzione di Forlì. Proseguire per 10,5 km e, prima di giungere a San Zeno, deviare a sinistra per Rocca San Casciano. Si sale per circa 5 km fino alla cima del Colle delle Centoforche (551 m s.l.m.).

Dopo una discesa scorrevole e con qualche tornante si giunge a Rocca San Casciano.

Da qui, seguendo l’indicazione per Forlì, si ritorna a Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Rocca San Casciano – Portico di Romagna – Bivio di Premilcuore – Premilcuore – San Zeno – Rocca San Casciano – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI DA CASTROCARO TERME A MODIGLIANA, MONTE PRATELLO E MONTE TREBBIO

IN BICI DA CASTROCARO TERME A MODIGLIANA, MONTE PRATELLO E MONTE TREBBIO

Un percorso di 77 km che inizia con un tratto pianeggiante che consente di godersi il panorama e raccogliere le forze prima di affrontare il Monte Pratello e il Monte Trebbio con tornanti, salite e rampe.

Da Castrocaro Terme si segue la direzione per Terra del Sole e Forlì. Giunti a Villa Rovere girare a sinistra per Villagrappa e Faenza. All’incrocio si svolta a sinistra per Castiglione e Faenza. Si prosegue per 3,3 km e si gira a sinistra (Via Gesuita) e poi di nuovo alla prima a sinistra (Via Bianzarda S. Giacomo). All’incrocio successivo girare a destra (Via S. Mamante). Al km 13,670 si gira a sinistra (Via Pozzo) e all’incrocio svoltare di nuovo a sinistra (Via Santa Lucia).

Si prosegue per circa 1,5 km e, dopo il ponticello sul torrente Samoggia, svoltare a destra (Via Canovetta). Si prosegue per circa 3 km, poi la strada confluisce nella SP Modiglianese: girare a sinistra per Modigliana. Vicino alla caserma dei carabinieri c’è una fontana: si procede verso il centro e al semaforo si svolta a sinistra seguendo l’indicazione per Rocca San Casciano.

Inizia la salita che conduce al Monte Pratello; dopo 6,4 km occorre deviare a sinistra in Via Morana per raggiungere la cima del Monte Trebbio; giunti in cima svoltare a sinistra in direzione di Modigliana. Dopo alcune centinaia di metri girare a destra per San Savino e Faenza (la strada è caratterizzata da continui saliscendi per circa 5 km fino alla Chiesa di San Savino, poi inizia una discesa veloce e scorrevole).

Al termine della discesa si prosegue su Via Samoggia e poi Via Santa Lucia.

Si continua a ritroso il percorso dell’andata fino a raggiungere Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Villagrappa – Santa Lucia – Modigliana – Monte Pratello – Monte Trebbio – San Savino – Santa Lucia – Villagrappa – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI DA CASTROCARO TERME A MODIGLIANA E POI A ROCCA SAN CASCIANO

IN BICI DA CASTROCARO TERME A MODIGLIANA E POI A ROCCA SAN CASCIANO

Un percorso di 74 km caratterizzato da quiete, pace e contemplazione, in grado di ricaricare di energia il corpo e liberare la mente.

Si parte da Castrocaro Terme e si segue la direzione di Terra del Sole: giunti a Villa Rovere, si gira a sinistra per Villagrappa e Faenza. All’incrocio si svolta a sinistra per Castiglione. Si prosegue per 3,3 km, si gira a sinistra (Via Gesuita) e poi di nuovo a sinistra (Via Bianzarda S. Giacomo). All’incrocio successivo girare a destra (Via S. Mamante).

Al km. 13,67 si gira a sinistra in Via Pozzo e all’incrocio si svolta di nuovo a sinistra in Via Santa Lucia. Si prosegue per circa 1,5 km e, dopo il ponticello sul torrente Samoggia, si svolta immediatamente a destra in Via Canovetta.

Si prosegue per circa 3 km, poi la strada confluisce nella SP Modiglianese. Girare a sinistra per Modigliana. Vicino alla caserma dei carabinieri c’è una fontana: si procede verso il centro e al semaforo deviare a sinistra seguendo l’indicazione per Dovadola e Monte Trebbio.

La strada s’impenna bruscamente nei primi 3 km con strappi del 17%, 12% e 10%. Giunti al passo del Monte Trebbio si devia a destra in Via Morana seguendo l’indicazione per Rocca San Casciano; da qui si percorrono oltre 2,5 km in massima parte in discesa, dopo di che si gira a sinistra e si affronta una salita pedabilissima (circa 4 km) che porta alla cima del Monte Chioda (589 m s.l.m.), poi si scende verso Rocca San Casciano.

Al termine della discesa la strada confluisce nella SS 67 Tosco-romagnola: prendere a sinistra per Dovadola e Castrocaro Terme

Percorso: Castrocaro Terme – Villagrappa – Santa Lucia – Modigliana – Monte Trebbio – Monte Chioda – Rocca San Casciano – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI DA CASTROCARO TERME A MELDOLA, ROCCA DELLE CAMINATE, PREDAPPIO

IN BICI DA CASTROCARO TERME A MELDOLA, ROCCA DELLE CAMINATE, PREDAPPIO

Un percorso di 53 km, immersi nel verde della natura, toccando luoghi storici: dalla Fortezza di Castrocaro Terme alla Torre Quadrata della Rocca delle Caminate, passando tra gli edifici razionalisti di Predappio.

Si parte da Castrocaro Terme e si percorre Viale Marconi in direzione di Terra del Sole. Fuori dalle mura della città medicea svoltare a destra in Via Ladino. Oltrepassare il primo incrocio e al secondo girare a sinistra per Vecchiazzano (Via del Partigiano).

Si procede lungo la strada provinciale e poi occorre svoltare a destra per Vecchiazzano. Si continua in Via Castel Latino e, prima della Chiesa parrocchiale, girare a destra in Via Veclezio. Al termine di Via Veclezio svoltare a sinistra; dopo alcune centinaia di metri la strada confluisce nella SS 9 ter; girare di nuovo a sinistra in direzione di Forlì.

Dopo 2,5 km, prima del cartello segnaletico “Grisignano”, girare a destra in Via Malguaia (Zona Artigianale). Questa strada confluisce in Via Monda.

Girare a destra in direzione di Meldola, seguire la circonvallazione e poi girare a destra per Predappio.

Si affronta una salita di 7 km, non impegnativa, per raggiungere la cima della Rocca delle Caminate (382 m s.l.m.). Dopo una discesa di 4 km si giunge a Predappio: all’incrocio svoltare a sinistra e proseguire per 500 metri, dopodichè svoltare a destra (Via A. Zoli) in direzione di Predappio Alta.

Oltrepassato il piccolo paese, la strada s’impenna per circa 2 km.

Giunti al bivio di Baccanello (388 m s.l.m.), seguire l’indicazione per Castrocaro Terme; dopo una serie di saliscendi la strada confluisce nella SS 67.

Girare a destra per Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Vecchiazzano – San Lorenzo in Noceto – Grisignano – Meldola – Rocca delle Caminate – Predappio – Predappio Alta – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

IN BICI ATTRAVERSANDO FAENZA, VAL TRAMAZZO E VAL MONTONE

IN BICI ATTRAVERSANDO FAENZA, VAL TRAMAZZO E VAL MONTONE

Un percorso di 88 km ed una sfida dichiarata già alla partenza: riuscire a conquistare la vetta del Monte della Busca, la cui cima arriva dopo un’interminabile ed estenuante salita. Per ciclisti…molto motivati!

Si parte da Castrocaro Terme e si percorre Viale Marconi in direzione di Terra del Sole e Forlì.

Giunti a Villa Rovere si svolta a sinistra per Faenza e Villagrappa. All’incrocio si svolta a sinistra in direzione di Castiglione.

Dopo aver percorso 3,3 km si gira a sinistra (Via Gesuita) e poi di nuovo a sinistra (Via Bianzarda San Giacomo); si gira a destra in Via S. Mamante e si prosegue in direzione di Faenza.

All’incrocio con Via Santa Lucia si svolta a sinistra e poi immediatamente a destra (Via S. Martino).

Al termine di Via San Martino si giunge a Faenza, girare a sinistra e proseguire per Modigliana. Seguire le indicazioni per Tredozio.

Dopo aver attraversato il paese occorre seguire l’indicazione per Portico di Romagna. Si affrontano 6 km di salita fino a giungere in cima al Monte della Busca (709 m s.l.m.) e poi si procede in discesa fino all’incrocio con la SS 67 dove occorre svoltare a sinistra.

Si percorre la strada statale e si attraversano i centri di Rocca San Casciano e Dovadola per raggiungere Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Faenza – Modigliana – Tredozio – Portico di Romagna – Rocca San Casciano – Dovadola – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

GIRO DEI TRE PASSI: CENTOFORCHE, TRE FAGGI E MURAGLIONE IN BICI

GIRO DEI TRE PASSI: CENTOFORCHE, TRE FAGGI E MURAGLIONE IN BICI

Un percorso di 105 km in un incessante susseguirsi di tornanti e salite, dalla cima del Colle delle Cento Forche sino ad arrivare al rinomato Muraglione.

Da Castrocaro Terme seguire le indicazioni per Dovadola e Rocca San Casciano.

Giunti a Rocca San Casciano, prima del ponte, girare a sinistra per Galeata e San Zeno.

Dopo alcune centinaia di metri la strada inizia a salire per circa 6 km per giungere alla cima del colle, Passo Centoforche (551 m s.l.m.).

Dopo la discesa all’incrocio con la SS 9 ter (Strada San Zeno), svoltare a destra per Premilcuore. Oltrepassare il paese e proseguire sulla strada statale.

Dopo 4 km (superato il bivio di Fiumicello) sulla destra c’è una fontana: la strada continua a salire per 10 km fino a giungere al Passo dei Tre Faggi dove comincia la discesa fino alla SS 67. All’incrocio svoltare a destra dove si affrontano gli ultimi tornanti (3 km) fino al Passo del Muraglione.

Da qui inizia la scorrevole discesa: attraversando San Benedetto, Bocconi, Portico di Romagna, Rocca San Casciano e Dovadola si torna infine a Castrocaro Terme.

Percorso: Castrocaro Terme – Rocca San Casciano – Centoforche – Bivio San Zeno – Premilcuore – Passo dei Tre Faggi – Bivio SS 67 – Passo del Muraglione – San Benedetto in Alpe – Rocca San Casciano – Castrocaro Terme

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ALLA SCOPERTA DELLO SPUNGONE

ALLA SCOPERTA DELLO SPUNGONE

Il “sasso spungone” è un singolare affioramento di roccia carsica che rappresenta ciò che resta di una antichissima scogliera sottomarina di 3,3 milioni di anni fa, ricchissima di resti fossili marini di notevole interesse geologico.

La particolare conformazione geologica e la composizione chimica e minerale del terreno ha influenzato molto la produzione agricola locale, in particolare quella vitivinicola e olearia.

Il sito naturalistico in cui si trova la Rupe dei Cozzi, e che costituisce il maggior affioramento di sasso spungone del Comune, è immerso in un’oasi di pace, in un contesto naturale florido e suggestivo.

Si può passeggiare lungo Rio Cozzi per scoprire le caratteristiche di questo particolare tipo di roccia arenaria calcarea, da cui sgorgano le acque termali di Castrocaro Terme; essa affiora anche lungo il Parco Fluviale e nella Fortezza di Castrocaro, che sorge proprio su una parete rocciosa di sasso spungone, ben visibile all’interno degli Arsenali Medicei.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

 

ITINERARI DEL MODERNO

ITINERARI DEL MODERNO

L’architettura del Ventennio nel comprensorio forlivese: Forlì, Predappio e Castrocaro Terme.

A Forlì, l’idea di una nuova “Forma Urbis Fori Livii” da parte del regime fascista fu accompagnata da una effettiva trasformazione architettonica di alcune zone urbane, incluse nel centro storico e perfettamente conservate: il Palazzo delle Poste in Piazza Saffi, il Palazzo di Giustizia, i Palazzi Gemelli di Corso della Repubblica e molti edifici pubblici di Piazzale della Vittoria e Viale Libertà.

Una frana nell’inverno del 1924 fu la giustificazione per lo spostamento del centro abitato di Predappio, traslato nel 1925 in località Dovìa, paese natale del Duce.  I due baricentri del nuovo assetto urbano furono identificati nella casa nativa di Mussolini e in Palazzo Varano, sua nuova residenza. Predappio Nuova divenne un museo architettonico a cielo aperto, emblema del periodo razionalista italiano.

Agli inizi degli anni Trenta la vera attrattiva di Castrocaro era il Parco delle Terme, famoso per la sua lussureggiante vegetazione e per gli intrattenimenti che vi si svolgevano. Tra il 1936 e il 1938 fu costruito il nuovo Compendio Termale; il famoso architetto fiorentino Tito Chini non solo decorò i nuovi edifici con fastosi apparati, ma intervenne a modificare anche gli stessi progetti architettonici, di cui seguiva scrupolosamente la realizzazione.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO ANTICA STRADA FIORENTINA A PIEDI

ITINERARIO ANTICA STRADA FIORENTINA A PIEDI

Partendo davanti all’ingresso delle Terme, si procede per Via Roma, Via Garibaldi, Via Maltoni, Via Biondo fino a raggiungere la chiesina dei Caduti.

Davanti alla chiesina si prende a destra per Via Baracca, che più avanti diviene Via Savelli, fino a giungere alla Sorgara.

Dal piazzale antistante il cancello che immette al Parco delle Sorgara, dove termina la strada asfaltata, si prende la via ghiaiata sulla sinistra seguendo le apposite segnalazioni. Si percorre tutta la via sterrata (è l’antica strada fiorentina) che si snoda ai piedi della collina fra campi coltivati e casolari disabitati. A lato del cimitero di Pieve Salutare si imbocca la strada asfaltata svoltando a sinistra. Al successivo incrocio, si svolta a destra e si scende sulla ex strada statale. Percorso un brevissimo tratto, appena oltrepassato il ponticello sul Rio del Giallo, si svolta a destra per Via Papa Giovanni XXIII e si raggiunge Pieve Salutare. Ritorno a ritroso sullo stesso percorso.

Percorso: Castrocaro Terme – Sorgara – Medicana – Montecchio Sansoni – Pieve Salutare e ritorno.
Partenza: Ingresso delle Terme
Percorso: Andata e ritorno
Tipologia del percorso: A piedi
Tempo di percorrenza: 2 ore
Lunghezza: 8 km
Ambiente prevalente: Fondo valle
Tipologia viaria: Asfaltato e sterrato

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO A PIEDI CITTADELLA MEDICEA DI TERRA DEL SOLE

ITINERARIO A PIEDI CITTADELLA MEDICEA DI TERRA DEL SOLE

Un interessante itinerario culturale alla scoperta dei segreti della storica città-fortezza di Terra del Sole.

Si parte dall’ingresso delle Terme e si percorre l’ombreggiato Viale Marconi in direzione  di Terra del Sole. Al termine del viale, si attraversa la strada e dopo la pesa pubblica si gira a destra e subito dopo a sinistra. Si entra nella “Porta Fiorentina”, volta verso Firenze, anticamente difesa da un ponte levatoio. Superati gli archi della galleria d’ingresso si entra nella cittadella di Terra del Sole, il borgo rinascimentale fondato da Cosimo I de’ Medici nel 1564. La porta è incorporata al “Castello del Capitano”. Si percorre poi il “Borgo Fiorentino” fino a giungere nella vasta “Piazza d’Armi” su cui si affacciano il “Palazzo dei Commissari”, il “Palazzo dei Provveditori” e la “Chiesa di S. Reparata”. Si percorre il “Borgo Romano” arrivando al “Castello del Governatore”. Incorporata al castello è la “Porta Romana” che si affaccia verso la Romagna. Al ritorno, appena fuori le mura, si svolta a destra per Via della Biondina. Dopo aver percorso circa 1 km sul lato sinistro, prima della zona artigianale, si trovano i resti dell’antica Pieve di Santa Reparata. Si prosegue fino al ponticello presso la vecchia fornace e quindi, percorrendo Via delle Sorgenti, si rientra in paese.

Percorso: Ingresso delle Terme – Viale Marconi – Terra del Sole – Via Biondina – Castrocaro Terme.
Partenza: Ingresso delle Terme
Percorso: ad anello
Tempo di percorrenza: 1 ora
Dislivello in salita: /
Lunghezza: 4 km
Ambiente prevalente: Centro urbano
Tipologia viaria: asfaltato

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

PASSEGGIATA ATTORNO AL CASTELLO

PASSEGGIATA ATTORNO AL CASTELLO

Una proposta di interesse storico e culturale per scoprire l’incantevole borgo medievale di Castrocaro Terme.

La partenza è davanti all’ingresso delle Terme, da qui si raggiunge Piazza Mazzini e si prosegue in Via delle Sorgenti e Via della Fratta.

Dall’inizio di Via Bagnolo la strada comincia a salire costeggiando le antiche mura e la Fortezza. Dopo aver percorso 1 km, appena superato il deposito dell’acquedotto, si svolta a sinistra e si scende lungo un sentiero leggermente sconnesso.

Percorsi un centinaio di metri, sulla destra si possono vedere i resti dell’antico torrione che difendeva la Porta dell’Olmo, mentre sulla sinistra domina l’imponente maschio (torrione più antico del fortilizio).

Si avanza per altri 100 metri, inizia la strada asfaltata che immette nel centro storico dove si possono ammirare la Porta di S. Giovanni, la Torre Campanaria e, al termine di Via Porta dell’Olmo (sul lato sinistro), il Palazzo dei Commissari. Procedendo a destra lungo Via S. Antonio si transita vicino all’antica chiesa di S. Nicolò. Superata l’omonima porta, a sinistra sulla facciata esterna della chiesa è posta la Lapide Dantesca. Si prosegue per Via Garibaldi per fare ritorno all’ingresso delle Terme.

Percorso: Ingresso delle Terme – Piazza Mazzini – Via delle Sorgenti – Via della Fratta – Via Bagnolo – Via Porta dell’Olmo – Via S. Antonio – Via Garibaldi.
Partenza: Ingresso delle Terme
Percorso: ad anello
Tempo di percorrenza: 45 minuti
Dislivello in salita: 80 m
Lunghezza del percorso: 1,9 km
Ambiente prevalente: costa e centro urbano
Tipologia viaria: asfalto, sterrato e asfalto

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

PERCORSO FORLÌ - DOVADOLA A PIEDI

PERCORSO FORLÌ - DOVADOLA A PIEDI

Percorso da Forlì a Dovadola

Usciti dalla stazione dei treni di Forlì andare dritto lungo viale della libertà, dopo circa 1 km girare a destra tenendo le indicazioni per il centro/Duomo. Prendere Corso della Repubblica direzione centro. Attraversare la piazza Saffi e seguire le indicazioni per il Duomo. Le credenziali si possono timbrare al Duomo.

All’uscita dal Duomo prendere a sinistra per uscire dalla città andando verso il parco cittadino. Arrivati sul lungo fiume si percorre una strada ghiaiata all’ombra per circa circa 1 km, quindi si gira a destra e si attraversa il fiume sulla passerella. Si prosegue lungo uno sterrato tra il lungofiume e campi coltivati, per lo più all’ombra. Lo sterrato finisce su una strada asfaltata località Villa Rovere.

All’incrocio con la strada c’è una fontana dove è possibile riempire le borracce. Si prende a sinistra lungo la strada fino alla chiesa, dove si gira a sinistra direzione Guado ladino.
Si percorre un bello sterrato all’ombra che costeggia campi coltivati e vigneti fino a Terra del Sole. Si entra a Terra del Sole passando sotto al bell’arco del Castello del Capitano della
Piazza del 16° secolo.

Siamo a 13 km dalla partenza.

Nella piazza antistante troviamo una fontanella. Si oltrepassa la piazza fino ad arrivare al Castello del Capitano delle Artiglierie. Si esce da Terra del Sole e si intraprende una ciclabile sotto ad un viale alberato parallelo alla strada che conduce a Castrocaro (Viale Marconi).
Giunti a Castrocaro si sorpassano le Terme. Nella piazza vari bar dove poter pranzare (siamo circa a metà percorso, ma attenzione perché ci aspetta un bel tratto in salita fino a Montepaolo).
Si risale lungo un percorso sterrato abbastanza ripido e sotto al sole che conduce ad una strada asfaltata: il sentiero del Santo.
Sì prosegue lungo la strada asfaltata fino a villa Bagnolo dove c’è una fontana. Da qui poi si sale fino a Montepaolo dove il percorso si congiunge al sant’Antonio

Km: 28
Dislivello: +554m/-441m
Tempo di percorrenza: 8 ore con le pause

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

TERRA DA DEGUSTARE

TERRA DA DEGUSTARE

Castrocaro Terme e Terra del Sole conservano, oltre alle numerose testimonianze delle loro vicende storiche, anche un patrimonio enogastronomico di antica tradizione, che ancora oggi si esprime nella produzione di vini d’eccellenza che contribuiscono ad esaltare la ricchezza del territorio.

Sono numerosi i produttori di vini tipici : a Castrocaro, in Via Sadurano, si trovano l’Az. Agr. Fiorentini, l’Az. Agr. Sadurano e l’Az.Vitivinicola Podere Magnana; in Via Bagnolo è situata l’Az. Agr. Marta Valpiani e in Via Converselle si trova il Podere Mezza Collina.  A Terra del Sole ci sono l’Agriturismo Monticino, la Tenuta Pennita e l’Az. Agr. Terre Contese.

Due territori diversi accomunati da un’unica, prestigiosa tradizione vinicola.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

SULLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI A CASTROCARO TERME E DINTORNI

SULLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI A CASTROCARO TERME E DINTORNI

Il percorso della “Strada dei Vini e dei Sapori” si sviluppa in Val Montone e sui colli di Castrocaro Terme e Terra del Sole ed è promosso dall’Associazione omonima di Forlì-Cesena.

Attraverso l’utilizzo della guida provinciale della “Strada dei Vini e dei Sapori dei colli di Forlì-Cesena” è possibile, con l’ausilio della cartina e delle varie schede tematiche informative, scegliere un percorso di visita che coinvolge le principali aziende vitivinicole, gli agriturismi, le osterie, i ristoranti di Castrocaro Terme e dintorni aderenti all’iniziativa e indicati da specifica segnaletica stradale. Un’occasione anche per scoprire le bellezze storiche e paesaggistiche del territorio.

Il percorso si dipana lungo la Val Montone toccando Portico di Romagna, Dovadola, Castrocaro Terme, Terra del Sole e Sadurano.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

DIDATTICA MUSEALE

DIDATTICA MUSEALE

Il Museo dell’Uomo e dell’Ambiente di Terra del Sole, oltre a presentare un’ampia gamma di modalità di visita, offre anche numerose opportunità di educazione museale.

Attraverso l’utilizzo dell’aula didattica e del laboratorio è possibile scegliere percorsi differenziati per alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado. Ci sono numerosi moduli didattici, tra i quali ad esempio: “La Cucina centro della vita domestica”, studiato per istruire i ragazzi sul valore polifunzionale della cucina; “La Cantina”, per mostrare come si articola il lungo e laborioso processo che dall’uva conduce al vino; “Antichi mestieri artigianali”, per apprendere l’antica e raffinata arte dello stampatore a ruggine su tela, una delle lavorazioni più particolari e caratteristiche del territorio; “Le tombe di epoca romana”, laboratorio dedicato

Piazza d’Armi, 2 47011
Castrocaro Terme e Terra del Sole

Proloco Terra del Sole
Telefono: +39 0543 766766

proloco@terradelsole.org
www.terradelsole.org

BIKE TOUR NEL CUORE DEL PARCO NAZIONALE

BIKE TOUR NEL CUORE DEL PARCO NAZIONALE

Il percorso, con partenza da Castrocaro, si sviluppa nel cuore del Parco Nazionale, passando per S. Sofia, il Corniolo fino ad arrivare al Passo della Braccina. Una sfida da non perdere per gli amanti della salita, attraverso borghi pittoreschi e paesaggi mozzafiato.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

MONTE BUSCA EXPERIENCE

MONTE BUSCA EXPERIENCE

Questo percorso ad anello con partenza da Castrocaro, vi porta fino alla cima del Monte Busca, dove è consigliata una visita al famoso vulcanino. Si torna indietro dall’altra vallata, salendo il Monte Colombo e passando per la cittadina di Predappio.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

MONTE PAOLO BIKE TOUR

MONTE PAOLO BIKE TOUR

Con partenza dalla cittadina termale, questo bellissimo percorso ad anello si snoda fra i suggestivi colli degli appennini romagnoli. Di particolare interesse l’Eremo di Monte Paolo, il più importante santuario antoniano della regione, e il pittoresco borgo di Dovadola.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

MONTE PAOLO BIKE TOUR PER ESPERTI

MONTE PAOLO BIKE TOUR PER ESPERTI

Percorso affascinante immerso negli appennini che circondano la vallata. Non manca una sosta all’Eremo, gioiello del territorio, raggiunto dopo una serie di spettacolari tornanti.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

PARCO FLUVIALE BIKE TOUR

PARCO FLUVIALE BIKE TOUR

Un percorso tranquillo che costeggia dolcemente il corso del fiume Montone. Quasi totalmente percorribile su ciclabile, attraversa la cittadella medicea di Terra del Sole fino ad arrivare a Forlì.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

CANTINE OLIO E LAVANDA IN E-BIKE

CANTINE OLIO E LAVANDA IN E-BIKE

Un’immersione fra storia e natura attraversando tre importanti aziende agricole, produttrici di eccellenze locali. Un percorso che appagherà pienamente mente e palato.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO MAGENTA

ITINERARIO MAGENTA

Un percorso ad anello che vi porterà dal centro storico di una cittadella cinquecentesca, Terra del Sole, ai paesaggi spettacolari di cui godrete in cima al crinale, fra valli e formazioni calanchifere; fino ai piedi della Rocca di Monte Poggiolo, primo fortalizio fiorentino del 1471.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINERARIO CIANO

ITINERARIO CIANO

Itinerario ad anello in partenza dal borgo medievale di Castrocaro e dalla sua imponente Fortezza, erta su di un affioramento di roccia arenaria calcarea, lo Spungone. Da qui si arriverà in cresta per poi ridiscendere lungo il sentiero di Rio Cozzi, circondati da picchi e dirupi costituiti da Spungone.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel

ITINEARIO ARANCIONE

ITINEARIO ARANCIONE

Tranquillo percorso panoramico, circolare. Dal centro di Castrocaro si raggiunge il piccolo borgo di Pieve Salutare, sede della tradizionale Sagra dell’Uva di fine Settembre. Da qui si inizia a salire, circondati da calanchi e piccole aree boschive, ambienti suggestivi che permettono di osservare varie specie animali e vegetali, prima di rientrare nella cittadina termale.

Viale Marconi, 37
Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC) 47011

Ufficio IAT Castrocaro Terme
Telefono: +39 0543 769631

info@castrocarotermeterradelsole.travel